Escursioni e Weekend con Guide Kailas ...
:: VIAGGI :: ESCURSIONI / WEEKEND :: EVENTI :: PROSSIME PARTENZE :: GUIDE KAILAS
:: INFO & UTILITY
torna indietro

Alla scoperta della sorgente segreta della Tana da Suja

1 Giorno
Sognate storie di esplorazione e avventura? Questa escursione insegue l'anello dell'Eremita, nei boschi della valle Ursaria, sino alla segreta sorgente della Tana da Suja! Si tratta di un territorio selvaggio e celato, a poca distanza dai magici lidi genovesi. Qui si nascondono pareti, vette, grotte attive, e pascolano manzi in una natura amena.
Date in programmazione:
25 Aprile
Regione:   Liguria
Località:   San Desiderio (Genova) Valle Ursaria
Ritrovi, luogo e orario:   Ore 10.00 Piazza di San Desiderio (Ge)
Impegno / difficoltà:   Escursionismo
Tempi di percorrenza e dislivello:   3h30' totali + le visite/pause. Dislivello: 550 m
Costo:   €  35.00 a persona
Accompagnatore:   Christian Roccati, Storico, Guida Kailas e Ambientale
Informazioni & iscrizioni:   christian@kailas.it
SCOPRI DI PIU'
La quota comprende:   Accompagnamento, spiegazioni e organizzazione da parte della Guida, suo emolumento e sue spese.
Non comprende:   Trasferimenti, cibo, e tutto quanto non menzionato alla voce “la quota comprende”.
Numero partecipanti:   min 4 e max 10
Programma:
Il ritrovo avviene alle ore 10.00 nella piazza di San Desiderio, il caratteristico borgo rurale genovese.
Si raggiunge il punto con l'autobus 86 (capolinea); per chi usa l'automobile ci sono 2 parcheggi possibili in piazza e una quindicina nella salita a SX.

Dopo l'accoglienza si inizia a camminare dolcemente lasciando il borghetto e transitando vicino all'antica chiesa di paese sino a rintracciare l'anello dell'Eremita; si supera l'area in cui sorgeva la cappella di San Rocco, che fu edificata per contrastare la peste nel 1654.

Si oltrepassa la grotta dell'Eremita e la falesia Leutra in favore dell'antico castagneto delimitato dalla sella di Bavari. Lasciamo andare le gambe e i pensieri sino a raggiungere il crinale della valle Ursaria: dopo uno spuntino rintracciamo il sentiero segreto per la Tana da Suja e ne inseguiamo le tracce sino alla fonte sperduta.

La guida illustra la storia dell'antro e della sua esplorazione: l'acqua cristallina del torrente risorge da una magica grotta che ha uno sviluppo di ben 119 metri nelle viscere della terra e parte da questo punto. (Per la relativa gita Kailas chiedere alla guida).

Ritorniamo sui nostri passi per poi guadagnare l'aerea cima di punta Crovino (549 m); dopo esserci goduti la vista sui monti Bastia (848 m) e Fasce (832 m) scendiamo concludendo l'anello superiore e ricominciando quello inferiore. Proseguiamo a mezzacosta verso il santuario di S.Alberto con magnifici scorci e superamo il rio Pomà.

La guida racconta la storia delle esplorazioni torrentistiche della vallata; si cammina serenamente in discesa sino a raggiungere l'antico villaggio omonimo e si continua sino a tornare a San Desiderio, persi nei propri pensieri.
Equipaggiamento:
La guida si confronterà con i partecipanti preventivamente alla gita.

Si richiede un abbigliamento standard da escursione a strati funzionali e nello specifico:
- maglietta traspirante (1° strato)
- pile (2° strato)
- piumino leggero (3° strato)
- guscio anti acqua (4° strato)
- borraccia da almeno 1 litro
- pranzo al sacco e/o barrette energetiche
- scarpe da escursione con suola anti scivolo o scarponcini leggeri
- bastoncini da camminata (suggeriti ma non indispensabili)
- pila frontale
- kit medico personale (cerotti, telo termico… ecc… semplice buona abitudine)
La guida racconta:
APPENNINO E GROTTE
Questa gita si svolge nella valle Ursaria, un vallone affluente della più grande Valle Sturla, alle spalle di Genova. Dal punto di vista geologico ci troviamo nel gruppo del Monte Fasce che fa parte della formazione delle marne e dei calcari marnosi del Monte Antola.

L’ambiente appenninico ligure è qualche cosa di assolutamente unico in Italia con una biodiversità vastissima e paesaggi in continuo mutamento. Si passa dalla vegetazione multifusto e i boschi caducifoglie alle coltivazioni a fasce, dalla macchia sempre verde alle conifere varie e mutevoli persino nell’habitus. Quando si abbandona la fascia litoranea, si riscopre il primo entroterra, un ambiente di media montagna, molto severo, un luogo di duro lavoro per i valligiani e di grande avventura per gli appassionati dell’outdoor.
pomà Genova
crinale fasce Genova
formazione antola monte fasce Genova
Pomà Genova
Suja Genova
Suja Monte Fasce Genova
monte fasce cresta sud Genova
Suja Genova